• Luca

Come vengono impiegate le scene in slow motion?

Ecco come utilizzare con competenza lo slow motion e l'alta frequenza dei fotogrammi nei vostri progetti cinematografici e video. Immergetevi e imparate a usarlo.

Ammettiamolo, lo slow motion è fantastico. C'è qualcosa di innegabilmente fantastico nel rallentamento del tempo. Che sia in una gigantesca sequenza d'azione su uno schermo IMAX o nei piccoli momenti della vostra serie YouTube preferita su uno smartphone, l'effetto del rallentatore sembra funzionare sempre e deliziare il pubblico di qualsiasi dimensione.


Tuttavia, girare filmati al rallentatore può essere abbastanza complicato, in quanto richiede sia l'attrezzatura giusta che una solida base di conoscenze su come la videografia al rallentatore, o ad alta frequenza di fotogrammi, deve essere condotta per apparire buona.


Per questo motivo, mentre ci sono molti consigli e trucchi da leggere su come girare al rallentatore e ad alta frequenza di fotogrammi, noi ci addentreremo maggiormente nella teoria del rallentatore e nei diversi modi in cui potreste utilizzarlo nei vostri progetti cinematografici e video. Iniziamo!


Slow Motion per azione e acrobazie


Quando si pensa al rallentatore nel cinema, probabilmente la mente va subito ai blockbuster di grande budget e alle spettacolari sequenze di acrobazie che si svolgono con una posta in gioco elevata e al rallentatore. E questo è certamente vero, perché il rallentatore è un aspetto caratteristico di queste sequenze a grande budget. Come si può vedere nel video dimostrativo qui sopra, il rallentatore è un ottimo strumento per far sembrare queste azioni rapide pericolose e drammatiche, in quanto il pubblico ha la possibilità di apprezzare meglio ciò che sta accadendo.


Tuttavia, le riprese al rallentatore per l'azione e le acrobazie sono forse una delle imprese più impegnative dal punto di vista tecnico in qualsiasi produzione e, in parte, il motivo per cui le vediamo più spesso nei film a grande budget rispetto ai lungometraggi indipendenti e ai cortometraggi fai-da-te. È importante tenere a mente sia la sicurezza che la praticità quando si affronta il rallentatore per le acrobazie, poiché è necessario avere il controllo di ogni elemento della situazione per assicurarsi che la videocamera sia inquadrata e messa a fuoco correttamente e che registri esattamente i movimenti ad alta velocità di fotogrammi che sono stati attentamente e meticolosamente pianificati.


Slow motion per evidenziare i momenti cinematografici

Dopo le acrobazie al rallentatore, il secondo uso più comune del rallentatore nei film e nei video è quello di evidenziare semplicemente i momenti cinematografici e di aggiungere un ulteriore livello di significato emotivo.


Ho scelto il montaggio di riprese al rallentatore qui sopra dalla filmografia del regista Wes Anderson, un esempio perfetto di come usare il rallentatore per ottenere un effetto drammatico. In effetti, Anderson ha persino sviluppato il suo stile di rallentatore personale, utilizzando questo tipo specifico di ripresa come finale di quasi tutti i suoi film.


Per rendere le cose ancora più cinematografiche, per così dire, queste scene hanno tutte in comune il fatto di iniziare in tempo reale e rallentare al rallentatore, e sono tutte girate su pellicola. Per ottenere questo aspetto veramente cinematografico è necessaria una complessa procedura cinematografica chiamata "overcranking", in cui un'inquadratura che inizia a 24fps viene "portata" manualmente a 60fps o più.


L'effetto complessivo è molto gradevole alla vista. È possibile imbrogliare questa tecnica quando si riprende in digitale, registrando tutto alla frequenza di fotogrammi più alta, quindi andando in montaggio per ridurre i fotogrammi in modo che il clip possa iniziare a 24fps. Naturalmente, l'aspetto complessivo potrebbe non apparire così "cinematografico" come negli esempi precedenti.


Slow motion per attirare l'attenzione sui dettagli

Un altro modo in cui il rallentatore può essere utilizzato nei vostri progetti è un piccolo (ma fondamentale) modo per evidenziare alcuni dettagli o attirare l'attenzione su momenti o azioni specifiche. Può essere impercettibile, ma questa tecnica viene utilizzata in molti più film e spettacoli di quanto si possa pensare. Solo perché il nostro mondo si muove in tempo reale - e viene registrato nel modo più simile possibile al tempo reale - non significa che non si possa ingannare il tempo nel montaggio.


Alcuni esempi potrebbero essere un piccolo sguardo da un personaggio all'altro, il prolungamento dei movimenti per il passaggio di una nota o di un'arma, o il rallentamento del tempo per mostrare un personaggio che nota un cartello o un poster su un muro.


Questi piccoli momenti potrebbero risultare più lenti nella sceneggiatura o nella scena, ma nel caso in cui l'inquadratura sia carente o le informazioni necessarie non siano in sintonia con il pubblico, il rallentatore può essere una soluzione rapida.


Slow Motion per lo sport


Forse il luogo più ovvio in cui si trova il rallentatore nel cinema e nell'intrattenimento è lo sport. Naturalmente, il rallentatore viene utilizzato in abbondanza nelle trasmissioni e nei momenti salienti delle partite e dei programmi sportivi veri e propri, ma mi riferisco alle riproduzioni cinematografiche e televisive degli sport.

La forma segue la funzione. Quindi, se si vuole rappresentare accuratamente lo sport nei propri progetti cinematografici, è assolutamente necessario saper usare il rallentatore quando è opportuno. È anche un modo perfetto per rendere i colpi più forti e i momenti più lunghi. Scommetto che qualunque sia stato il vostro film sportivo preferito da piccoli ha fatto un uso massiccio del rallentatore per aiutare a dare più profondità alle scene e aggiungere più contesto alle azioni.


Tuttavia, a meno che non stiate girando il vostro progetto con una telecamera sportiva live di prim'ordine, dovrete affrontare molte sfide nel tentativo di ottenere una buona copertura al rallentatore. Il rallentatore sportivo è di solito un mix di primi piani stretti (per azioni intricate come il colpire una palla) e riprese ampie e contorte (per mostrare l'energia e l'impatto di colpi e gol).


Passaggio da un movimento lento a uno veloce

Infine, con l'avanzare della tecnologia del rallentatore nel corso degli anni e con il cambiamento delle aspettative del pubblico, che ha sempre desiderato qualcosa di più delle semplici riprese al rallentatore, l'improvviso passaggio dal rallentatore al veloce è diventato uno stile a sé stante. È possibile vedere diversi esempi di riprese da lente a veloci (e viceversa) in tutti i film, dagli ultimi film della Marvel ai franchise d'avventura preferiti.


Per molti versi, il rallentatore per il cinema è diventato sinonimo di questo nuovo stile, in quanto l'editing digitale ha reso tecniche come la rampa di velocità più facili da usare e più precise da controllare. Se oggi volete aggiungere il rallentatore o il fast motion ai vostri progetti, la cosa migliore è procurarsi una solida videocamera HFR, girare a 120 fps (se possibile) e poi prendere tutte le decisioni relative al rallentatore e allo speed ramping in fase di montaggio, una volta che tutto è stato pianificato e coperto.